erec e enide

Le storie ritornano. Anzi, siamo noi a tornare dalle storie, che non sono mai andate via. Le storie rimangono in attesa. Del ricordo, del pensiero, dell’anima o dello stato d’animo, che le ha conosciute. Per indagarle, o anche solo per sfiorarle, sovrapporle e poi accantonarle. Così ritrovo la storia di Erec e Enide. In questo punto di un sabato, che … Continua a leggere

girasole

Mi piace il girasole. Si volta a guardare il sole. Ha i petali al posto dei raggi. Perchè è un fiore. A me piacciono i fiori. E mi piace il sole, che riscalda e brucia. Mi piace il girasole, perchè non sarebbe mai nato, se Clizia non si fosse innamorata di Apollo. E se la passione di Apollo non fosse … Continua a leggere

intensimprevisti

L’urlo della sveglia e la sveglia che non suona. Uno squillo improvviso. Uno squillo che tace. L’arcobaleno e il filo d’erba. Una macchina che non parte. Un viaggio infinito. La via lattea e la scia smarrita. Un incontro inatteso. Un incontro interrotto. Il temporale e l’albero. Un abbraccio impossibile. Un abbraccio tradito. L’improvviso e l’attesa. Un sorriso trasparente. Un bacio … Continua a leggere

terapia del mal d’amore

Non è mai facile decidere di aggredire scaffalature laccate di bianco e di polvere, per concedere respiro a libri e orpelli, accumulati più o meno disordinatamente. Eppure, armata di coraggio, panno anti-pelucchi, pazienza e detergente ho scalato gli ampi pioli della scala anti-vertigini, dando inizio all’espugnazione dello scaffale più alto. Dove, tra batuffoli di varia consistenza, si annidano cose, foto, … Continua a leggere